Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

domenica 4 luglio 2010

Hic et Nunc


Indosso la maschera dell'allegria
perché un falso sorriso è ben accetto
tanto più di un dolore autentico.

Vesto i colori del disinganno
perché non mi si veda il buio
che albeggia nell'anima
a tre passi dal silenzio.

Appunto trine e lustrini
un coltello sfilato dalla giarrettiera.
Dipingo il mondo d'assenzio
frantumo stelle al di là del tempo.

Sguardo impresso oltre la pelle.
Regalo illusioni.
Ammalio la notte.

Inizi lo spettacolo!

È questa la vita?
Un patetico, irriverente Grand Guignol.

9 soffi di vento:

  1. Ciao Ale, sono Michele Ciardelli... il 10 luglio torniamo a Torvaianica. Questa volta per presentare il nostro libro. :-)
    Un saluto carissima.

    RispondiElimina
  2. odettetlemonde5 luglio 2010 22:11

    ..........

    RispondiElimina
  3. Eh sì, Odette... proprio così...

    RispondiElimina
  4. Ciao, Michele!!!
    Un grandissimo in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. E tu che ci fai su questo vecchio post?

    RispondiElimina
  6. Vengo dal futuro. Col dono della squisiquità. Lo ben sai.

    Accendo anch'io una candela nutella e capperi per il compianto splinder.

    RispondiElimina
  7. Nutella e capperi? Oh mio Dio!!!

    RispondiElimina
  8. Ehi, diventa immediatamente il mio cinquantesimo temerario, prima che ti invii una missiva minatoria di mio pugno!

    RispondiElimina

Soffia qui