Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

venerdì 28 febbraio 2014

Parola di kamikaze - Poeta


Kamikaze: Amore, che c'è? Sei così seria, ti sei innervosita per qualcosa?

Ale: Si vede?

K: Abbastanza.

A: Ti ricordi di quella casa editrice che mi aveva proposto la pubblicazione di alcune mie poesie in un'antologia di poeti contemporanei?

K: Sì, ti ho convinto io ad accettare. Perché?

A: Oggi sono arrivate le mie copie.

K: E non sei felice?

A: Felice?! Felice??? Ma hai idea di che cagata mostruosa è questa antologia? Mi hanno pubblicato in mezzo a gente semi analfabeta!!! Ora, non è che mettere virgole ad minchiam, punti ad capocchiam e maiuscole come se piovesse e minuscole dopo un punto faccia di questi esseri dei poeti! La poesia è una musica che ti vibra dentro, è passione, è dolore, è anima e cuore e non fa sempre rima con amore, come  scrivono questi quattro deficienti con cui mio malgrado mi hanno accomunata. E la Straffi se la voleva pure comprare... mio Dio, mi vergogno anche a regalargliela... alberi rasi al suolo inutilmente. Per non parlare della qualità di stampa. Pure una copertina con l'immagine sgranata. Qui ci sono addirittura errori grammaticali. Sacrilegio!!! Mi sento male, non posso leggere oltre... Tieni, guarda tu.

K: Amore... ma... ma...

A: Dillo, dillo, persino tu che imbrocchi il periodo ipotetico una volta su cinque sei in grado di capire quanto faccia schifo questa pubblicazione.

K: Amore, questi scrivono esattamente come scrivevo io alle elementari. Facevo così: prima scrivevo di getto tutto quello che mi veniva in mente, poi prendevo il foglio e, senza rileggere, mettevo un punto qui, una virgola là, giusto per riempire gli spazi. Vedi? L'ho sempre detto che i professori non mi hanno mai capito. Ero poeta e nessuno se n'è accorto.

19 soffi di vento:

  1. Lui ti avrà pur convinto a partecipare, ma il peccato originale resta sempre il mio.
    Comunque, a parte il fatto che ho sempre pensato che il kamikaze avesse l'animo del poeta, secondo me i libri li hanno stampati con i soldi delle offerte durante la messa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo, con quelli degli incauti partecipanti... Un nervoso, guarda!

      Elimina
  2. Oh oh, mi sa che non è il caso di congratularsi. Me la filo immediatamente ...

    P.S. Il tipo del disegno è un amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signora mia.. lasciamo stare. Una cosa così scadente mai vista!

      PS: bellino vero?

      Elimina
    2. Vorrà dire che le sue si noteranno!

      P.S. È bellissimo! Lo vedrei protagonista di un cartone animato!

      Elimina
    3. Si noteranno, certo, ma che delusione!

      Elimina
  3. ah come ti capisco, non te la prenne,
    ......lunga è la strada del poeta
    e costellata di trappole e serpenti
    a volte incontri un cane, a volte un gregge
    a volte incontri me, il poeta della legge....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, fraticello, tu sì che sai mettere in fila due versi!

      Elimina
    2. E non gli hanno pubblicato manco una poesia...

      Elimina
  4. Silver Silvan1 marzo 2014 08:36

    Mi sto innamorando del disegno. Vengo qui solo per vederlo. Signorina, voglio sapere TUTTO di lui! Chi è, da dove viene, che genere di poesie scrive e come l'ha conosciuto! È l'uomo dei miei sogni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena sto un po' meglio le racconto la sua storia.

      Elimina
    2. Attendere, prego. Stiamo trasferendo la sua chiamata. Il primo operatore libero le risponderà appena possibile. Grazie. Attendere, prego. Tututututututututu ....

      Elimina
  5. Risposte
    1. Silver Silvan2 marzo 2014 17:34

      Quanta arguzia.

      Elimina
    2. Ahahhahah, kovalski, tu sì che sei geniale!

      Elimina
  6. non bisogna mai e poi mai pagare un cent per la pubblicazione
    anche se ti chiedono solo gli euri del toner
    a pagare son capaci tutti
    i poeti come te
    ma anche quelli che non lo sono

    ma non te la prendere
    nel tuo Curriculum sta bene anche una cosa...pop ;-)

    alerina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Alerina, mai mai più...

      Elimina
  7. uauauauua oddio pure io non tollero le virgole ad minchiam!!! Se messe a rovinare una poesia, poi, e' ancora peggio...Solidarieta' nerd!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, è imbarazzante leggere certe cose...

      Elimina

Soffia qui