Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

giovedì 8 gennaio 2015

A te, che eri il mio Ivan Karamazov

Valentin Serov. Self-Portrait. 1883. Pencil on paper. The Russian Museum, St. Petersburg, Russia

Vengo a cercarti
nelle pagine della memoria
lì dove la polvere ha cancellato il dolore
tra le righe di parole ormai spente.

Vengo a trovarti
nel ricordo d'un libro d'inverno
lì dove non restano ombre
tra i silenzi coperti di terra.

Vengo a parlarti
nel vento di un giorno imperfetto
lì dove l'alba non sorge né tramonta la luna
tra i sospesi nel tempo.

Vengo a lasciarti
nel cielo di un altro per sempre
lì dove giunge l'eco della preghiera notturna
tra le ragioni e la fede.

Perché se il mio cuore ricorda tu vivi
perché se il pensiero ti sfiora mi senti
perché dove riposa il tuo sonno è sepolta la vita
perché dove la polvere ha posato il suo sguardo
si spengono i fiori e la pietra racconta.

in memoria di Se.

32 soffi di vento:

  1. ehm...solo per dirti che mi spiace, del tuo dolore, che non conosco il tuo amico scomparso...
    però in memoria di S. mi fa un po' impressione, ecco.
    scusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, hai ragione! Ho corretto!
      È stato molto tempo fa, ma il ricordo non tiene conto del tempo.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Non preoccuparti, tazzina, è solo una poesia.

      Elimina
    2. Divento apprensiva quanto le persone dolci postano cose tristi

      Elimina
    3. Eh, la mia vena poetica è immutata. Poi, come ha detto il kamikaze proprio ieri sera, ho gli occhi pieni di luce e di vita, ma attraversati sempre dalla malinconia. Diciamo che fa parte di me e che nelle poesie emerge in modo preponderante.

      Elimina
    4. Allora, prima del prossimo post triste, qualche altro post allegro eh

      Elimina
  3. alerina che si strugge

    e lo spirto guerrier entro le rugge

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacino alla mia leoncina ruggente.

      Elimina
    2. un abbraccio ad Alerina che si alza presto ogni mattina

      Elimina
    3. grrrr ;-)

      sono fusa di piacere... (ebbene sì il significato è doppio)

      grrrazie per le vostre coccole

      alerina

      Elimina
  4. el vendicator modaiol11 gennaio 2015 21:04

    Alerina che distrugge e lo spirito Guerlain centra le grucce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ussignur! E tu chi saresti?

      Elimina
    2. non importa chi sei
      con guerlain mi hai già conquistato

      adesso tiro fuori dall'armadio il polveroso petite robe noir che avevo messo via nel 1930
      mi siedo sul canapè di velluto cremisi e ti penso vendicator modaiol

      ma secondo me sei una vendicatrix
      troppa è la cultura sciorinata

      e se così non fosse
      chapeau li stess
      alerina

      Elimina
  5. Ma chi vuole che sia?! Il fantasma formaggino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo avevavo spalmato nel panino? Le mie certezze vacillano!

      Elimina
    2. Un invito a farsi spalmare non significa ritrovarsi un fantasma nel panino! Nel mio caso, poi, è praticamente impossibile! Panino tucùr! Ahahah, questa l'avevo rimossa, che meraviglia!

      Elimina
    3. e ce l'avevo un sospetto
      buon anno ss!

      alerina
      :-)

      Elimina
  6. Si può sapere perché cazzo non compaiono i miei commenti ogni volta che circola questa stordita?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uè eè, che succede? Controllo subito!

      Elimina
    2. Nessun commento in spam. Io non ho cancellato. Sarà un problema di Blogspot.

      Elimina
    3. Certo, certo, mando in tilt tutte le piattaforme, grazie alle mie tette bioniche. Così imparano ad essere piatte.

      Elimina
    4. Ahahahah! Ora accende la fantasia dei commentatori. E poi dice che è Tazza a lanciare esche! Ahahahah

      Elimina
    5. Certo, certo, accendo la fantasia dei commentatori. Non vedo l'ora di dargli fuoco!

      Elimina
    6. Si sta evolvendo... dallo scuoiamento alla piromania!

      Elimina
  7. Impossibile evolversi nella virtualità, ormai è assodato da tempo. Circa quattro anni. Mi sembrano sufficienti a trarre deduzioni sull'inutilità del virtuale a livello cerebrale. Il virtuale ê un inutile moncone, del tutto superfluo. Un'antiestetica verruca.

    RispondiElimina
  8. Però lei si è evoluta, signorina. Mi sono letta alcuni suoi vecchi post. Non faceva altro che parlare d'amore ed era sempre perennemente e tristemente innamorata. Una fatica estenuante, non la invidio! Per fortuna a me capita ogni trent'anni. La prossima ho pure speranza di sfangarla, schiattando per tempo. Ah, mi sono riletta le esilaranti discussioni con Amalio, se lo sente ancora me lo saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che mi sono evoluta! Essendo il mio virtuAle coincidente con il mio reAle, non poteva essere altrimenti.
      Dacché mi ricordo, sono sempre stata innamorata, più o meno tristemente, più o meno di squilibrati, idee, sogni.
      Anche adesso sono innamorata, benché felicemente.
      Proprio ieri ho risposto a una mail di Amalio, guardi un po' che coincidenza! Naturalmente gliel'ho salutato.

      Elimina
    2. e per dimostrare che il virtuale è un inutile moncone ...mi sono persa ( non che prima avessi chiara la mia posizione) dopo il tilt provocato dalle tette bioniche della ss

      :D

      grandissima ss

      o le tette?

      alerina

      Elimina
    3. Non pensavo di mancarle così tanto. E non pensavo di aver intavolato (dopo aver infornato) con Ella, discussioni di alcunchè
      saluti e baci (perugina)


      Amalio

      Elimina

Soffia qui