Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

martedì 18 febbraio 2014

Memorie arrese

Edward Burne-Jones, Cupid Finding Psyche. Watercolour mounted on linen. c1865. Yale Centre for British Art, New Haven, Connecticut, United States

Cadono stelle dalle mie ciglia
luci notturne a colmare gli occhi.

Cadono gocce di buio fuso
lungo le pieghe dei miei silenzi.

Cadono note di oscuri passi
per tintinnio di pietra
lì dove il cuore riposa.

Lontano sventola un feroce addio.


6 soffi di vento:

  1. "Lontano sventola un feroce addio". Brutto. Ma bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, brutto il significato, bella l'immagine evocata :)

      Elimina
  2. a me piace: sa di treni e fazzoletti bianchi agitati fuori dai finestrini
    ciao
    alerina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sa di tramonto intriso d'arancio e viola, di vento selvaggio che scuote i rami in cui è rimasto impigliato un foulard di seta.

      Elimina
  3. sarà mica quello che ho dovuto dare io alle arachidi tostate da sgusciare davanti alla tv?
    La cosa che ho mangiato sempre con bambinesca gioia, mai avrei creduto potesse contrarmi la laringe fino allo strozzamento
    Addio arachidi sorgenti dall'acque
    vette di gaudio ineguale e bambinesco
    Addio
    Un'altra piccola gioia della vita stroncata inesorabilmente da una natura crudele e beffarda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, opta per i popcorn, no?

      Elimina

Soffia qui