Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

martedì 25 settembre 2012

Special guest star



Il dottor G. è alto, magro, terribilmente affascinante. Come resistergli? Cado tra le sue braccia. Letteralmente.
Peccato che lui dopo qualche minuto se ne esca deciso con un: "Chiamate subito il 118".
La capacità degli uomini di rovinare un momento romantico è strepitosa...
Special guest star: l'intrepido dottor G.

Il ragazzo con gli occhiali solleva lo sguardo dalle pagine del libro di storia che sta studiando per preparare la prossima lezione. Serafico s'informa: "Dottore, ma almeno sta respirando?".
Alla risposta affermativa del dottor G., lo rassicura dicendo: "Allora non si preoccupi, fra un po' si riprende, meglio non chiamare il 118, altrimenti c'è il rischio che la ammazzino definitivamente". Dopodiché, ritorna a leggere.
Special guest star: mio fratello il "rassicuratore".

La voce del dottor G. risuona dolce accanto a me. Sento una mano che mi accarezza il viso. Apro gli occhi speranzosa. 
No, non è la sua, è quella di una donna...
Special guest star: l'assistente nana del dottore.

Anche questa volta il divertimento non è mancato.

20 soffi di vento:

  1. Stai meglio ora?

    ("Soffia qui" come incitamento a commentare, fa molto alcool test)

    RispondiElimina
  2. ma era una scusa per cadere tra le braccia del dottor G. o stavi male sul serio?
    spero nella prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... la seconda che hai detto. ;)

      Elimina
    2. mi dispiace :( stai bene adesso?

      Elimina
    3. Meglio, meglio... tanto ci sono abituata e poi, come dice il proverbio, "l'erba cattiva non muore mai" ;)

      Elimina
    4. ok :)
      che erba cattiva? questo è periodo di fioritura olivo...che poi adoro come albero, frutto e prodotto, ma sono terribilmente allergica...nel salento l'anno scorso ci giravo anche io con il ventolin...

      Elimina
  3. Pofferbacco! Diciamo che per te non è la stagione giusta per venire dalle mie parti ;)
    L'ulivo è il mio albero preferito insieme alla betulla :)

    RispondiElimina
  4. Non c'era mica bisogno di svenire per fare la protagonista!
    Scherzi a parte, leggo comunque che stai bene. L'ironia è un ottimo strumento per affrontare le difficoltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, ma mica ero svenuta! Io sentivo tutto, solo che ero entrata in stand-by. ;)
      L'ironia è uno strumento davvero efficace, infatti, ci siam fatti delle grasse risate :P

      Elimina
    2. Oh, ho dimenticato di rispondere alla domanda del Ventolin. Ne fa uso la mia amica Lorella, é allergica a pesci e crostacei. Purtroppo le basta una minima quantità, anche in una pentola mal lavata e va in crisi asmatica e si gonfia come una mongolfiera. In più diventa cianotica e le si chiude la gola. Una cosa orribile. Io é un po' che non soffro di allergia respiratoria. Mi sa che c'entravano i silos del porto, visto che non sono l'unica a non soffrirne più.

      Elimina
    3. Mmm... chissà che c'era nei silos...

      Elimina
    4. Cereali.

      Elimina
  5. Ma chi è, Richard Gere questo dottor G? L'ulivo è una pianta stupenda, è vero, anche se quest'anno dalle mie parti la produzione non è molta ...stupendo lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, il dottor G. è il dottor G. ;)

      Elimina
  6. uè!! mi hai fatto spaventare sai! però in effetti se hai scritto vuol dire che stai meglio! mannaggia a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma nuuuuuuuuu, volevo solo farvi ridere!!!

      Elimina
  7. A me un dr che deve chiamare il 118 mi dà poco affidamento. La pellons

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma il dottore in questione non avrebbe potuto fare diversamente se non mi fossi ripresa, perché avrebbe significato che stavo per rimetterci le penne ;)

      Elimina

Soffia qui