Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

sabato 14 maggio 2011

Orbene...

... curiosi, eh?

(attimi di suspance...)

Lo dico?
Non lo dico?

Victor Borisov-Musatov. Window. 1886.Oil on canvas. The Tretyakov Gallery, Moscow, Russia.


Un po' mi dispiace dirlo, visto che quasi tutti avete immaginato una cosa romantica... e invece no... perché la persona più importante della mia vita sono io, ma ancora non lo sento pienamente... è un percorso complicato. Dovevo dedicarmi a me e fare qualcosa per me. Avevo bisogno di ridere e sorridere e sentire che posso trovare la forza per farcela.
Avevo bisogno di riprendere a scrivere altrove, in un posto dove vive il mio alter-ego ironico, che riesce ad affrontare tutto quello che sto vivendo con una risata. Un altro blog che taceva da qualche mese e che doveva tornare a respirare dopo un periodo di apnea.
Girodivento rappresenta la mia parte introspettiva, quella parte che riflette e ama, che soffre e si arrabbia, che si chiede il senso della propria vita e del dolore, ma che riesce ancora a gioire, nonostante tutto.
In queste due settimane sono successe tante cose, dalle pazze risate con mia cognata (che adoro!) al gelato e alla torta fatte insieme, dopo essere riuscite nell'eroica impresa di liberarci della presenza ingombrante di mia madre dalla cucina. 
Dal nove e mezzo della mia piccola allieva in geometria, a una sua frase che mi ha commosso più di quanto non abbia fatto vedere: "Sarebbe bello averti come mamma"... 
Dall'esame di idoneità di mio fratello, brillantemente superato, alla telefonata che stamattina annunciava la sua convocazione per una supplenza fino alla fine dell'anno. Dai festeggiamenti per il risultato dell'esame con pizza e spumante, alla memorabile esperienza di una domenica notte passata con un'emicrania condita da allucinazioni. Giuro che non toccherò mai più, nemmeno col pensiero, una pizza non biologica... anche perché ho corso il rischio di raccontare, nello sproloquio allucinatorio, qualcosa che i genitori possono intuire, ma mai sapere!
Se avete dei segreti da custodire, la pizza allucinogena è un ottimo mezzo per farli venir fuori... meno male che mi sono limitata a una sola invocazione... senza dir nulla di compromettente!
E l'invocazione aveva a che fare con lui... che è stata la sorpresa, la doppia sorpresa, la meravigliosa e sempre uguale sorpresa di questi giorni dedicati a me... ma questa è un'altra storia, che forse un giorno racconterò...

.

16 soffi di vento:

  1. Tre giorni per riuscire a fare un gelato e una banalissima torta -.-"

    La prossima impresa epica sarà: la PIZZA BIOLOGICA!!! Ce la faranno le nostre eroine?!?

    RispondiElimina
  2. ahahahah la pizza allucinogena nooooooo ahahahah.

    Comunque ti leggo bene.. :P

    RispondiElimina
  3. In verità avevo capito che ti stessi riferendo a te stessa, ma mi sembrava antipatico disilludere i tuoi lettori con una considerazione che potesse apparire acida.
    Tuttavia sei riuscita a creare nuova suspance... mmm...
    OL

    RispondiElimina
  4. Orphen, amico mio adorato... se non lo avessi capito tu mi sarei preoccupata... hai fatto bene a non disilludere i miei lettori ^_^
    Quanto alla nuova suspance, vieni dove sai e ti aggiorno ^_^

    RispondiElimina
  5. Tre giorni per riuscire a fare un gelato e una banalissima torta -.-"

    La prossima impresa epica sarà: la PIZZA BIOLOGICA!!! Ce la faranno le nostre eroine?!?

    RispondiElimina
  6. Le nostre eroine sono pronte a TUTTO!!!
    Tua suocera, nonché mia madre, è un nemico tosto da affrontare, ma noi, unite, ce la faremo... torno a sgobbare per il tuo uomo... ah, se non ci fossi io a organizzare partenza e valigia!!!

    PS: è andato a farsi bello... speriamo le studentesse non gli saltino addosso... (scherzooooooo!!!) ^_^

    RispondiElimina
  7. Ho ripristinato i commenti, visto che Blogger se li era mangiati... O_o'

    @ Max: eh sì, mio caro... a me le pizze che per voi umani son normali fanno venire le allucinazioni... ^_^

    RispondiElimina
  8. Beh mi sembra un post da persona contenta, e allora sono contenta per te

    RispondiElimina
  9. ç_ç

    [non ci voglio pensare]

    RispondiElimina
  10. @ Tazza: sembra proprio dei sì ^_^

    @ Laura: nuuuuuuu, cognatina, non piangere, dicevo per scherzare!!! Ma ti pare? Quello deve rigar dritto, è controllato dai preti, domani deve pure andare a messa (non mi ricordo più quand'è stata l'ultima volta che ci è andato)... piuttosto, l'ho sentito per pochi secondi a pranzo (invitato dal suo responsabile) e non ho idea di come sia andato il "primo giorno" di scuola... dire che sono curiosa è poco...

    RispondiElimina
  11. Una "vacanza" come questa, in ottima compagnia, non può che far bene...sbaglio o ti leggo un po' più "leggera"?
    Se è così ne sono felice...
    Kalì

    RispondiElimina
  12. @ Kalì: non sbagli, cara... un bel po' più leggera... ^_^

    @ Ewan: doppio sorriso o non hai visto che c'è la moderazione ai commenti? :-P

    RispondiElimina
  13. non che io sia curioso ma .... insomma ....dicci dicci cosa avresti potuto dire....
    belaunde

    RispondiElimina
  14. Non che tu sia curioso, Bela, proprio no... tu sei la Curiosità fatta uomo... ^_^
    Ma di quest'argomento non faccio parola... :X

    RispondiElimina

Soffia qui