Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

mercoledì 27 aprile 2011

Siesta

Pierre Bonnard. Siesta. c. 1899. Oil on canvas. 109 x 132 cm.  National Gallery of Victoria, Melbourne, Australia.

Il blog si concede una siesta fino all'11 maggio... l'autrice ha da fare con la persona più importante della sua vita, di cui vi racconterà al suo ritorno... per chi avrà la pazienza e la curiosità di aspettare.
Un abbraccio ai pochi (ma si spera ottimi) lettori.

Ale

[...]
me ne andai da ogni parte ad altra parte,
continuai ad essere e a rimanere
mezzo smantellato nella gioia,
nuziale nella tristezza,
senza sapere mai come né quando
pronto per tornare, ma non si torna.


da Addii, Pablo Neruda, Memoriale di Isla Negra

.

6 soffi di vento:

  1. Non ci posso credere...stasera ho ricevuto anche io una telefonata che avevo quasi smesso di aspettare...e mi sono sentita dire: "devo trovare il modo di vederti.."
    Al cuor non si comanda...
    Goditi con gioia questa magnifica siesta..
    Kalì
    p.s. fino all'11 Maggio mi mancheranno le visite qui...

    RispondiElimina
  2. Che bello! Sono felice per te! Aspetteremo il tuo rientro. Molte volte mi capita di voler commentare i tuoi post, ma poi, la paura di non trovare parole abbastanza adeguate o peggio ancora, persino inadeguate mi persuadono a non aggiungere nulla ai tuoi post sempre carichi di emotività. Questo bel post invece, mi ha dato un pò di coraggio. IN BOCCA AL LUPO! Max Dejavù.

    RispondiElimina
  3. Addio... da un ottimo lettore...

    RispondiElimina
  4. Se son rose
    allora
    ciao ed abbi cura di te
    pace e bene

    RispondiElimina
  5. Alej ecché 'ndo cazzo vai?
    Scusa ma son tre giorni che mi chiedo che sia successo..?

    RispondiElimina
  6. Ecco, la solita, te la tiri e ci lasci all'oscuro... ;)
    OL

    RispondiElimina

Soffia qui