Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 19 aprile 2010

Guardando oltre

Foto: Cielo di Otranto, Aprile 2010


Mi ispirano la vita e le molteplici forme che assume una nuvola in volo.
Respiro il silenzio e il lento fluttuare del tempo dentro ai miei occhi.
Sorrido nell'ombra perché il sole non sciolga in pioggia ciò che con cura ho custodito, perché tra le pieghe del tramonto s'insinua il vento a sconvolgere mani e sospiri, a tessere sogni e segreti, a disegnare quel che ancora non ci appartiene.


6 soffi di vento:

  1. Odette?! Tranquilla, esercizi di scrittura ^_^

    RispondiElimina
  2. belle le nuvole
    e stare a guardarle
    bello pensare
    di essere liberi come loro

    RispondiElimina
  3. Un caro augurio alla piccola grande Ale.
    (ormai non posso più permettermi qui le mie solite cretinate)
    Pace e bene

    RispondiElimina
  4. Ma no, Fracatz, mica ti devi limitare... e poi le tue non sono cretinate ma consulenze fondamentali ^_^

    RispondiElimina

Soffia qui