Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

martedì 17 luglio 2012

Buoni propositi

Pietro Magni, La Leggitrice. Modello 1856. Marmo. National Gallery of Art. Washington

Devo smetterla di fare acquisti compulsivi di libri una notte sì e una no e di leggerli altrettanto compulsivamente di giorno...  C'è chi si ubriaca per dimenticare e chi legge come se non ci fosse un domani. Ecco, io sto leggendo per non pensare ad altro. 
Ah, e poi sì, sono nella casa al mare da ben due settimane, vado in spiaggia quasi ogni giorno, mi sono persino abbronzata con criterio, senza scottature o eritemi... e no, continuo a non stare bene. Adesso il mio cuore batte un fresco vento di tramontana. Speriamo spazzi via tutti i pensieri, tutte le parole non dette, tutti i silenzi sospesi.

Ho finito di leggere il libro che mi hai regalato. Ho visto quel che volevi vedessi. Un altro pezzo della tua anima. Mi manchi. Mi mancherai sempre. Ma devo soffocare i pensieri, seppellire l'attesa, dimenticare ogni cosa. Mi manchi da lontano. Il vento non si è fermato. Intreccia canti in questa notte estiva carica di ritorni d'ombra. La risacca lambisce l'assenza. Il tramonto mi ha impregnato i sogni d'oro liquido e viola. Affilo silenzi sulle lame dei tuoi occhi ormai spenti.
Questo è un porto. Ma tu non ritornerai. Io abbatterò le stelle e ne farò pietre con cui squarciare il cielo. E se piangerà la luna, poco importa. Ho spento un desiderio di vita, un altro ancora. Pulsa solo il cuore. Ma non so più se è il mio.

25 soffi di vento:

  1. ....basta libri, magari prova ad ubriacarti ...non funzionerà, ma se stai male puoi sempre dal la colpa all'alcol!....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kermit, se mi ubriacassi si profilerebbe una non tanto mascherata intenzione di suicidio e con la sfiga che mi ritrovo di certo non creperei, ma temo rischierei danni permanenti, quindi no, non mi posso ubriacare, perché non finirebbe con un mal di testa e una vomitata... devo ripiegare su altro (sigh, sob) :(

      Elimina
    2. Alla fine ho usato il tuo metodo... sono andata a correre in bici

      Elimina
    3. brava. e vai in salita. se la salita è dura è un po' come suicidarsi. Ma se arrivi in cima è un po' come rinascere. (e se non ci arrivi poco importa.... ritenterai la prossima volta)

      Elimina
    4. Qui salite non ce ne sono nemmeno se le paghi, ma tira un vento così forte che ci vogliono sforzi sovrumani per pedalare controvento... il che mi esalta un sacco. Insomma, oggi sfrecciavo come un'invasata per il lungomare a volte anche senza mani :)

      Elimina
    5. uhm..... fammi capire.... sfrecciavi come un'invasata (chissà perchè ma mi rammenta per qualche arcano motivo "la giara" pirandelliana) in verso concorde al vento o in verso contrario (= controvento)?
      invasata..... esaltata..... quindi pedalavi controvento? e se pedalavi controvento perchè sfrecciavi????? al limite lumacavi (= correvi come una lumaca, termine coniato da me medesimo)

      cmq sono felice per te :-)
      un saluto anche a S. (posso vero?)

      Elimina
    6. Io sfrecciavo controvento perché quando è necessario tiro fuori una forza sovrumana... ;)

      Elimina
    7. non c'è nulla di più femminile ed attraente della tua Forza sovrumana (che non conosco, anche conoscendoti -poco- solo sul tuo blog).
      Immagino quindi Dart Fener un dilettante ..... ;-)

      cmq è questa la Ale che mi piace e che mi piace leggere ;-) :-)

      Elimina
    8. Femminile e attraente? In effetti, quando la forza sovrumana si solleva dalla sella e si piega in avanti per spingere sui pedali con i suoi micropantaloncini fa sempre la sua divina figura. I bavosi sparsi lungo il percorso ringraziano di cuore per la visione... :D

      Elimina
    9. E tu, sii sincera, non ringrazi di cuore i bavosi per lo "sbavamento"? ;)

      e, poi, pensandoci bene, forse non sbavano nemmeno a sufficienza altrimenti renderebbero il fondo stradale (o la pista ciclabile) "bagnato" e viscido ..... e cmq meglio così: noi ci teniamo alla nostra Ale e, in fondo in fondo, ci piacerebbe essere lì a sbavare un pochettino.... ;-)

      Elimina
    10. Che immagine edificante... o_o

      Elimina
    11. ma dai.....
      se sbavare è sinonimo di ammirare dovresti essere felice che tanta gente "sbavi" ;-) (ed è x qst che ho scritto che ci piacerebbe sbavare un pochetto ;-) ed è per questo che ho scritto che non sbavano a sufficienza ;-) )

      e, poi ancora, se sbavare lo vedi come "emettere bava" dovresti rivalutare il "meglio così" di prima perchè ci teniamo acchè tu sia in forma e in piena salute... ;)

      Elimina
    12. e poi, ancora, dove dovremmo edificare l'immagine? ;) ^_^

      Elimina
    13. Io a te non farei edificare nulla...

      Elimina
    14. Daiiiiiiiiiiiii, scherzo! Un castello di sabbia (forse)

      Elimina
  2. che belle parole!!!
    però che cazzo eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Anto! Hai reso quello che poeticamente volevo esprimere io, ma che sinteticamente voleva proprio essere: "però che cazzo, eh!"

      Elimina
  3. Anche io mi sono data alla lettura compulsiva...sopratutto di notte visto che di giorno lavoro, in parte funziona...dipende dai libri.
    Sconsiglio l' alcool...a prescindere da tutto, dopo si sta peggio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia saggia S.!!! Comunque io non mi sono mai ubriacata in vita mia, nemmeno quando stavo bene. Quanto ai libri sono loro che si fanno leggere da me. A proposito, sto sistemando la mia biblioteca di ebook, se qualcuno di voi è interessato, basta scrivermi una mail, vi mando l'elenco e poi i file dei libri che volete :)

      Elimina
    2. E' in offerta moooolto allettante...ok ti scrivo grazie :))

      Elimina
    3. io consiglio l'alcol, soprattutto in presenza di buoni amici (anche pochi) e magari una bella tavola imbandita.

      Elimina
  4. Tu si troppo romantica tesoro mio.
    Ma mandalo affanculo!
    :-)

    RispondiElimina

Soffia qui