Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

domenica 13 novembre 2011

Lungo i Navigli

Foto: dal Web

Milano - I tempo

Le luci di Milano brillano soffuse in un abbraccio di nebbia. I contorni sfumati dei palazzi donano un'atmosfera fiabesca ai passi che percorrono le strade lungo i Navigli. Pezzi di vite che s'incrociano, sguardi che leggono ciò che le parole non dicono, parole che si fondono in pensieri condivisi e la sensazione che sì, non poteva essere altro che questo. Riconoscersi, al di là delle vite vissute, al di là del presente, solo per affondare nei suoi occhi, come se avessi attraversato i secoli per sostenere il suo sguardo, come se ne servissero altrettanti per ritrovarlo.
E forse non sarà in questa vita...
A volte, mentre parlo, piega appena la testa di lato, abbassa lo sguardo e sorride di un sorriso mai visto, un sorriso che mescola insieme malinconia e bellezza, una timidezza che avevo intuito, una dolcezza che già mi aveva sfiorato l'anima.
Sembra ci sia un universo di parole non dette in quel sorriso.
È allora che vorrei abbracciarlo più forte. Tenerlo stretto a me per un tempo indefinito, senza dir nulla. E invece resto lì, a riempirmi gli occhi del suo sorriso, lo accarezzo con lo sguardo e la voce si fa battito struggente, poesia del silenzio, specchio del mio cuore nel suo.

.

14 soffi di vento:

  1. Dolce e struggente

    RispondiElimina
  2. Sono commossa da tanto amore per la mia città...
    Ah già, non è solo per la mia città!!

    RispondiElimina
  3. Vorrei perdermi in una città, in una grande città.
    Fino a confondermi col niente, quasi annullarmi.
    Qui non succederà mai, ma non smettiamo di sperare di fuggire...:)

    RispondiElimina
  4. @ Historiavb: eh... (sospiro)

    @ MP: te possino!!! :-P

    @ Straf: io invece vorrei perdermi negli occhi di chi so io, la città passa sempre in secondo piano. Chissà cosa ti attende, piccolina, non aver fretta di fuggire via ^_^

    RispondiElimina
  5. Che incontro incantevole, Ale...avrei voluto chiederti, ma forse è meglio lasciare tutto in una magica vaghezza....

    RispondiElimina
  6. Sfumato, come la nebbia, ma denso e così profondo. Si sente il desiderio.
    Bacio
    Donivola

    RispondiElimina
  7. @ Kalì e Donivola: tutta colpa della nebbia... è entrata nelle parole ^_^
    Baci a entrambe

    RispondiElimina
  8. bello come un dio greco...

    RispondiElimina
  9. Non ti allargare, Piccolo Principe, ho solo detto "Bello come un dio", mica ho specificato quale dio... :-P

    RispondiElimina
  10. io mi riferivo al post

    RispondiElimina
  11. Ehm... io a te... ^_^
    ... e comunque... Apollo... non nella versione "Ah, Pollo!"

    RispondiElimina
  12. Questo week-end toccano a me i navigli & Co.
    Mi sa che ti penserò ma chèrie! Dopo aver letto il post... =)

    RispondiElimina
  13. Oh, beata te... dai un bacio a Milano da parte mia ^_^

    RispondiElimina
  14. sotto a chi tocca!

    RispondiElimina

Soffia qui