Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 14 novembre 2011

Tra un comignolo e un sorriso

Foto: Mamma Pellona
Milano - II tempo

L'ascensore scende lentamente i sette piani del palazzo. Mando un messaggio a mio fratello perché apra il portone, visto che la ricerca del pulsante è miseramente fallita. Finalmente qualcuno dall'alto risponde e mi ritrovo fuori. 
Eccola lì, quasi di fronte a me. Con gli occhi luminosi e un sorriso solare. Lo sapevo che era una bella donna, anche se si è sempre descritta come una balenottera azzurra. Ci salutiamo per la prima volta dal vivo e ci sediamo in un bar a chiacchierare.
Fingiamo disinvolto stupore quando il barista dice: "Guardate che l'ho visto il vassoio di pasticcini nascosto sotto il giornale!".
"Eh, sì - aggiungo io - ma questi qui da voi non si trovano mica!".
E ridacchiamo di gusto. Parliamo di un sacco di cose e sono felice di sentirmi a mio agio. Mi sarebbe piaciuto pranzare insieme, ma lo sgarro alla dieta l'avrei fatto la sera a cena col Piccolo Principe e non era il caso di arrivarci coi crampi allo stomaco... infatti, quelli mi son venuti la notte, sebbene abbia mangiato pochissimo - chissà come mai - (comunicazione di servizio: Piccolo Principe, la prossima volta so dove portarti a cena senza rimetterci l'apparato gastrico!).
M'invita a salire da lei e la sua casa mi sembra così familiare, proprio come l'ha descritta nel blog, con il parquet e il condizionatore che perde. Mi porta sul balcone a mostrarmi il comignolo che campeggia sulla sua homepage. 
Le foto di Pelloni e Dedde mi hanno emozionato... adoro i bambini e quei due sono così belli che la prossima volta vorrei proprio strapazzarli un po'. In compenso è scattata la scintilla con una micia nera bellissima, in evidente stato di astinenza da coccole. Mamma Pellona non esita a confidarmi i dettagli più splatter della piccola e mi viene da sorridere perché lei è proprio come scrive... ironica, divertente e con quel tocco di follia che amo tanto ritrovare nelle persone.

Perché, al di là dello schermo, tra un pixel e un link, battono dei cuori veri, di persone splendide e reali, che ridono, soffrono, gioiscono insieme a me. E queste persone sono quelle che mi danno spesso la forza di sperare in meglio, quelle che mi donano un sorriso e protendono una mano amica, quelle che, senza saperlo, mi aiutano quando mi sento triste e sconfortata... e incontrarle fa bene all'anima, soprattutto quando, come lei, hanno gli occhi che ridono e la battuta sulle labbra.

.

14 soffi di vento:

  1. uffa sono invidiosa! qua vi incontrate tutti!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Mammapappa, ci si può sempre organizzare ;-)

    RispondiElimina
  3. C'è un terzo tempo?

    RispondiElimina
  4. Anche un quarto e un quinto... i tuoi sono i tempi dispari.

    RispondiElimina
  5. Lagrimuccia di commozione....belle che siete!

    RispondiElimina
  6. Madò c bè, direbbe Mammapappa.. :)

    RispondiElimina
  7. E se mammapellona fosse stata un pazzo sanguinario?

    RispondiElimina
  8. Brave. Ottima idea, ogni tanto, parlare anche dal vivo e non solo protetti dallo schermo

    RispondiElimina
  9. @ Max: mi hai fatto scompisciare!!! Mi è parso di sentire l'accento barese... più tardi vi mando l'indirizzo per la riscossione del premio. Ah, un Dejavù originale, che meraviglia!

    @ Mivendoperpoco: ma ti pare che una mamma di due bimbi possa essere un pazzo sanguinario? E comunque, impressioni positive a parte, ci siamo viste in un luogo pubblico ;-P

    @ El_Gae: verissimo! ^_^

    RispondiElimina
  10. eeeemmm...--- si mi pare proprio possibile, soprattutto se ripenso alla faccia di mia mamma quando prima di andare a scuola impiegavo più dei 3,7 secondi consentiti per infilarmi i pantaloni, o quando con aria innocente (occhioni sgranati, bocca a mestolo, etc. etc... (ah!, che attore!)) riferivo la caduta e conseguente esplosione, in seguito al contatto FORTUITO ma violentissimo con il mio pallone di cuoio, della madonnina della signora che abitava nello stesso nostro cortile. Si, le mamme possono essere pazzi sanguinari.
    P.S.: fortuito è volutamente maiuscolo, NON E' ASSOLUTAMENTE VERO CHE ERA MEZZ'ORA CHE TENTAVO DI ABBATTERE A PALLONATE QUELLA FOXXUTA MADONNINA PERCHE' LA DI LEI PROPRIETARIA AVEVA DATO UNA PEDATA AL MIO CAGNOLINO SOLO PERCHE' LE AVEVA FATTO LA PIPI' SUI SUOI FOXXUTISSIMI FIORI!

    RispondiElimina
  11. Ahahahahahah... ma le mamme sono così solo con i propri figli!!! E comunque approvo l'abbattimento della Madonnina, non perché antireligiosa, ché son credente, ma perché la vicina non doveva prendere a pedate il cucciolo, e che cavolo! Vabbé, confesso anche che le statue mi fanno paura... un giorno vi racconterò il motivo...

    RispondiElimina
  12. Oddio che emozioneeee... Certo che se mi vedessi ora, stanca, sporca, e pure parecchio incazzata...

    RispondiElimina
  13. Versione pazza sanguinaria? :-P

    RispondiElimina

Soffia qui