Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

venerdì 17 giugno 2011

Fino all'alba

Frederic Leighton. The Fisherman and the Siren. 1890. Oil on canvas. Private collection.


[...] era come trovarsi imprigionato con qualcosa di inevitabile, di ineluttabile... ma tale da ispirare felicità e paura.


Thomas Mann, La montagna incantata

.

8 soffi di vento:

  1. Sei una strega, lo sai?
    ;-))
    Sì, lo sai, i tuoi pensieri sfiorano i miei e li sfidano...
    ma io eviterò quell'inevitabile...riuscirò a sottrarmi a quell'ineluttabile...
    Allora la sirena sarò io...

    RispondiElimina
  2. Eh eh... apprendista streghetta per servirla, madame ^_^

    Infatti, non è casuale il dipinto... diventar sirene, ecco cosa dobbiam fare... e allora povero marinaio, l'incantesimo sarà rovesciato... parola di strega! ^_^

    RispondiElimina
  3. trattasi sempre e comunque di complementari (se uno dei due non è un parassita) la sindrome di stoccolma nella sua possibile e variabile estensione, non solo vittima e carnefice insomma, anche! ma con reciproca sensuale profonda soddisfazione, eros&psiche che si scindono e ricompongono senza soluzione di continuità, variando il tema......

    RispondiElimina
  4. Finché uno regge, probabilmente sì...

    RispondiElimina
  5. eèèh bei tempi quelli quando passeggiando così sul bagnasciuga, tutt'untratto ci si imbatteva in questi esseri tanto vagheggiati che poi non ho mai capito o letto del perchè fossero pericolosamente mortali
    potevano deviarci forse dalla retta via? Dalla scialba quotidianeità? spingerci ad un commento osceno, visto che si è ridata fiducia ai naviganti?

    RispondiElimina
  6. Le sirene, come ci racconta Omero, cantando, incantavano i marinai con la promessa di rivelar loro più cose, instillando in essi il desiderio di onniscenza che li portava poi a dimenticare ogni affetto e legame familiare, tutto ciò che riguarda la vita per lasciarsi morire...Cedere a questa tentazione di onniscenza conduce alla morte... e così esse compiono il loro destino di servitrici della dea Persefone, dea degli Inferi, incarnando un destino che si rivela disastroso per gli uomini.

    RispondiElimina
  7. «incantavano i marinai con la promessa di rivelar loro più cose, instillando in essi il desiderio»

    cambi due parole al periodo e hai letto fra le righe

    Omero uno di noi

    lol

    RispondiElimina
  8. Direi proprio di sì.. ^_^

    RispondiElimina

Soffia qui