Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 13 dicembre 2010

Scrivere


Scrivere per raccontare, per creare immagini con le parole, a volte sorrisi e buffe carezze, altre volte strette al cuore e tramonti. 
Scrivere per annodare pensieri di colore diverso. I miei pensieri oscillano tra il blu profondo e l'argento. Tesso trama e ordito con filati diversi. Arrotolo sillabe a frammenti di tempo. Ricamo stelle su improbabili strappi.
Scrivere per ricordare di esistere, per sentire che quel che scorre dentro non è gelido assenzio, ma sangue caldo e scuro.
Scrivere per tracciare sentieri di senso tra il prima e il dopo, per dare forma al presente, per non lasciare la presa.
Intreccio frammenti e singhiozzi, raccolgo lacrime in un diadema di perle, m'incorono regina del silenzio d'inverno. Attraverso il mio regno d'ombra, disegno schizzi di  luce sulla porta del buio. Traccio segni di luna sull'arcobaleno. Respiro cenere bagnata d'assenza. Non aspetto più.
Scrivere per custodire i segreti del vento.
Scrivere per impazienza di versi.
Scrivere per sognare di vivere quel che non sarò...

.

9 soffi di vento:

  1. Libri e scrittura.
    In quale universo parallelo abiti?
    O forse sono io che sono finita in quello sbagliato?

    Io e lo stile poetico in quest'ultimo periodo non andiamo molto d'accordo, ma a te riesce davvero bene!

    E' quasi commovente leggere fra le righe di qualcun altro la stessa passione per la scrittura che mi dà la forza di alzarmi ogni mattina: grazie!

    RispondiElimina
  2. paoloefrancesca13 dicembre 2010 17:39

    ... e così, scrivo anch'io anzi, ti scrivo anch'io.....perchè l'ultima frase è una stretta al cuore e non mi piace quando accade...

    scrivere perchè non se ne può fare a meno...per laciare un segno....o
    descrivere un sogno...scrivere per amore o d'amore..

    scrivere, anche se fosse l'ultima cosa che ci rimane da fare,è meravigliosa.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. @ Evy: abito in un universo strano, un universo sepolto, per citare una persona importante che così lo definì... Un universo sottosopra e fuori da questo tempo in cui non mi ritrovo...
    Condividere una passione come quella per la scrittura è un po' come scoprire che se si alza lo sguardo al cielo, fra le nuvole, è possibile scorgere qualche stella...

    @ paoloefranscesca: sì, decisamente meraviglioso ^_^

    RispondiElimina
  4. Io credo che taluni abbiano il privilegio di poter tracciare sentieri di senso anzitutto con la propria vita e che tu sia, o perlomeno possa essere, tra queste persone.
    Non ti sarà permesso di lasciare la presa.

    Orphen

    RispondiElimina
  5. Credo proprio che non mi sarà permesso... ^_^

    RispondiElimina
  6. Splendido il nuovo sfondo! Però ora, per contrasto, dovresti scrivere in arancio...
    No, ok, la verità è che sono io che sono una talpina. Uff... ;o)

    RispondiElimina
  7. Bello, vero? ^_^

    Però se metto arancio poi non vedo io... ho messo il nero, dovrebbe essere più leggibile, no?

    RispondiElimina
  8. Mooooolto mooooolto più leggibile!
    E aggiungerei, a mio personalissimo parere, che lo stacco valorizzi ancor di più lo sfondo, rendendolo un elemento autonomo, con un qualcosa di solo suo da dire.

    RispondiElimina
  9. Allora è perfetto così ^_^

    RispondiElimina

Soffia qui