Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

mercoledì 15 aprile 2009

Prima cronaca - Alej

Nuda.
Travolgo l'aria con uno sguardo d'ombra.
Trattengo il fuoco tra le mie ciglia.
Guerriera del vento.
Scateno fulmini e tempeste.
Alta.
Macchiata di luna e seta.
Trasparente di sogni.
Dissotterro cenere e pietre.
Accarezzo parole grondanti oblio.
Assente.
Perduta.
Rosa nera tra le tue dita.
Attraversata di pioggia.
Attendimi.
Incendierò  il tuo tempo e le stagioni ferite.




11 soffi di vento:

  1. La parte finale di questa poesia mi piace molto...

    RispondiElimina
  2. Sperimentazioni... sulla scia di una nuova ispirazione :-)

    RispondiElimina
  3. Molto bella...da un bell impatto figurativo...brava

    RispondiElimina
  4. Macchiata di luna e seta...Bella questa accopiata;-))

    RispondiElimina
  5. @ BigWednesday: detto dal mio mentore è un grande incoraggiamento!!! :-)


    @ Gullveig: grazie... spero di continuare...

    RispondiElimina
  6. @ Giulio: in storie di fuoco... ;-)

    RispondiElimina

Soffia qui