Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

mercoledì 14 marzo 2012

Chi domanda non è pazzo

Foto: Robert Doisneau, L'information scolaire. Paris. 1956.




Dottore, ma io un giorno potrò guarire completamente?

Puoi cambiare il colore dei tuoi occhi?

Ehm... no...

Ma potrai stare meglio e stabilizzarti.

Però...

Dimmi.

... ci sono sempre le lenti a contatto colorate!


.

16 soffi di vento:

  1. :-) vero.. bacio Cla

    RispondiElimina
  2. Mi viene in mente la mia "ossessione" del momento (invecchiando ho certe fisse, e va sempre peggio): la certezza che anche i problemi più grandi, unendo le forze e con molto impegno si possano risolvere. E non sopporto chi si arrende prima di iniziare. E chi si giustifica col "cosa potevo farci" o "non compete a me".
    E se fallisco, almeno so di non aver lasciato nulla di intentato.
    Non centra nulla, lo so, ma non è colpa mia se posti cose così evocative ;)

    RispondiElimina
  3. I bambini hanno la soluzione a ogni cosa...

    RispondiElimina
  4. bella risposta... ma le lenti a contatto colorate non cambieranno comunque il colore dei suoi occhi, ovvero non risolvono il problema.

    RispondiElimina
  5. @i primi tre: ricambio il bacio.

    @ Gae: c'entra eccome. Tra le righe volevo dire che anche di fronte alla certezza di una non guarigione si può conservare uno spirito combattivo.

    @ Topper: grazie per avermi dato della bambina ^_^ è un complimento che mi piace assai.

    @ Kermit: quando ho fatto la domanda, conoscevo già la risposta. Il problema non si risolve, ma cambia la percezione che si ha di esso.

    RispondiElimina
  6. poi comunque c'è sempre il vino

    RispondiElimina
  7. Per crepare prima? Ahahahahah

    RispondiElimina
  8. per crepare meglio

    RispondiElimina
  9. Beh, se voglio crepare meglio mangio un sacco di caramelle gommose piene di coloranti... almeno muoio soddisfatta :-P

    RispondiElimina
  10. io muoio soddisfatto con la vinassa

    RispondiElimina
  11. questa foto mi piace tanto.
    mi fa venire in mente Heidi, non so perché.
    da piccola mi chiamavano come lei.
    non fatico a capirne i motivi.

    RispondiElimina
  12. Per le guanciotte rubiconde e la fiducia nella bontà del prossimo?

    RispondiElimina
  13. è probabile. :-) (soprattutto sulla parte della fiducia)
    le guanciotte ora diventano rubiconde quando mi imbarazzo (molto spesso) e quando bevo vino (molto molto spesso).
    e qualche mese fa è sbucata pure una fossetta sulla guancia sinistra.
    credo che questa notizia sia di rilevanza internazionale.

    RispondiElimina
  14. Prepareremo un comunicato stampa :-P

    RispondiElimina

Soffia qui