Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 20 febbraio 2012

Quando meno te l'aspetti

Edward Burne-Jones, The Lament. Oil on canvas. 1865-1866. William Morris Gallery. United Kingdom.

Sensazione? Sentimento? C'era in essa qualcosa di fisico e di spirituale. Gli doleva il petto, come se glielo avessero aperto per prendergli il cuore. Vi avvertiva una terribile cavità, un vuoto reale che non avrebbe mai più potuto essere riempito se non con il cuore dell'altra.

[...]

Aveva sempre quel dolore spaventoso al posto del cuore.

[...]

"[...] Si è dunque infelici quando si ama?"
"Sì, Christine, quando si ama e quando non si è sicuri di essere riamati."


Gaston Leroux, Il fantasma dell'Opera

.

8 soffi di vento:

  1. appropriato, non c'è che dire

    RispondiElimina
  2. Vero? Sapevo che avresti concordato...

    RispondiElimina
  3. certo che trapiantare un cuore così, senza anestesia...

    RispondiElimina
  4. Ma no, dai gliel'hanno solo strappato, che vuoi che sia?

    RispondiElimina
  5. Per provare quel tipo di dolore occorre avere il CUORE :)

    RispondiElimina
  6. Eh sì... io il mio me lo son proprio giocato ^_^

    RispondiElimina
  7. Ciao cara,
    dopo tempo ti ritrovo.
    Bacio
    Donivola

    RispondiElimina
  8. Un bacione anche a te, mia carissima Doni!

    RispondiElimina

Soffia qui