Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

martedì 9 agosto 2011

D'acqua e d'azzurro

Foto: Ale

Svegliarsi la mattina presto con un pensiero di luce. Il mondo intorno a te dorme, tranne i soliti vecchietti sul muretto del lungomare.
Una corsa in bicicletta per vederlo. Perché ti manca e hai bisogno di respirarlo. Sentirlo scivolare nei tuoi occhi, sulla tua pelle, tra le ciglia e un battito di cuore. 
Riempirsi lo sguardo di sole e pensare che non riusciresti a sentirti tanto parte di qualcuno come lo sei di lui.
Appartenenza totale. Abbandono senza difese. 
Non amerò nessuno come amo il mio mare.

.

7 soffi di vento:

  1. una dichiarazione d'amore alla natura, insomma :)
    ci sta, ci sta, l'acqua anche per me è un elemento essenziale nel quale vorrei fondermi con tutta me stessa...
    quando è così, direi proprio che appartenenza è il termine giusto, no? :>
    baci, come ti capisco, io son stata in sardegna e rimpiango tanto quel mare assoluto nel vero senso della parola..

    RispondiElimina
  2. Proprio quello che intendevo... ^_^
    Un bacione, piccola Lolita... stamattina, con la connessione decente ho fatto copia e incolla dei tuoi ultimi post e sto per leggerli con calma stasera... devo recuperare!

    RispondiElimina
  3. http://www.youtube.com/watch?v=fd_nopTFuZA

    poi, visto che ti scrive un ex alpinista a cui piaceva complicarsi la vita, ecco lo stesso brano ma più virtuosistico.

    http://www.youtube.com/watch?v=tgNQ4FR6Me8&feature=related

    vive la mer!

    RispondiElimina
  4. Si ok, il mare, ma stavo aspettando il particolare piccante, pensavo dicessi..."..." vabbè non entro nel dettaglio che qui il pubblico è raffinato...:-)

    RispondiElimina
  5. Quanto ti capisco. Adesso prepare l'ennesima valigia e corro da lui....

    RispondiElimina
  6. Maestro, come sempre la scelta musicale è graditissima ^_^

    RispondiElimina

Soffia qui