Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 29 dicembre 2008

Tanto tu lo sai


E' una storia da dimenticare
è una storia da non raccontare
è una storia un po' complicata
è una storia sbagliata.

Cominciò con la luna sul posto
e finì con un fiume d'inchiostro
è una storia un poco scontata
è una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale
storia comune per gente speciale
cos'altro vi serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia di periferia
è una storia da una botta e via
è una storia sconclusionata
una storia sbagliata.

Una spiaggia ai piedi del letto
stazione Termini ai piedi del cuore
una notte un po' concitata
una notte sbagliata.

Notte diversa per gente normale
notte comune per gente speciale
cos'altro ti serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia vestita di nero
è una storia da basso impero
è una storia mica male insabbiata
è una storia sbagliata.

E' una storia da carabinieri
è una storia per parrucchieri
è una storia un po' sputtanata
o è una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale
storia comune per gente speciale
cos'altro vi serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

Per il segno che c'è rimasto
non ripeterci quanto ti spiace
non ci chiedere più come è andata
tanto lo sai che è una storia sbagliata
tanto tu lo sai che è una storia sbagliata.

Fabrizio De Andrè, Una storia sbagliata

4 soffi di vento:

  1. Beh ma allora dillo che mi leggi nella mente :) Hai sentito la versione di questa canzone cantata dalla Bertè? Non so se ti piace la Bertè, forse discutibile come personaggio ma adorabile per la grinta e la spontaneità (nel bene e nel male ;)) e in questa canzone di Fabrizio dà proprio il meglio di sè :)

    RispondiElimina
  2. ;-) a volte ne sono capace...
    Sì, ho sentito la versione della Bertè, però, ti dirò, è come quando leggo Neruda nella traduzione di uno che non sia Bellini... non mi entusiasma e non ha lo stesso effetto...
    Per il resto anche lei è una grande artista

    RispondiElimina
  3. Sì anche a me le cover non piacciono quasi mai (vedi, ad esempio, "Almeno tu nell'universo" nella versione di Elisa che nulla ha a che vedere con quella meraviglia che è l'originale) ma questa mi piace molto, forse perchè mi piace tanto cantarla con la stessa grinta contro l'abitacolo della macchina quando passa sull'mp3 :)

    RispondiElimina

Soffia qui