Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 10 settembre 2007

Riflessioni



Penso ai giorni del sud pieni di guai, guastati dalla morte che stacca zolle di noialtri, ne infila a migliaia vivi, appena acciuffati, dentro il sacco. L'amore allora è scambio di abbracci affondati, un bisogno di nodo. E in fondo a ogni stretta finita, in fondo al darsi pace, resta non detto un addio indurito.
Strano sapersi perduti tutti i giorni e non dirsi mai addio.
Oggi quel saluto scambiato mi basterebbe. A dimenticare.

Erri De Luca, Tre cavalli

0 soffi di vento:

Soffia qui