Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 27 aprile 2009

Seconda cronaca - Sentieri del vento

Ho abbandonato l'abbraccio del fuoco.
Le fiamme bruciano e troppo presto ritornano cenere.
Le vampe divorano.
Pezzi d'anima e respiro.

Il calore divampa e ingoia l'aria, s'insinua nelle pieghe dei sogni, controlla i battiti del tempo, si espande ovunque senza tregua. Sempre uguale a se stesso. Mi incatena a ripercorrere le stesse notti, le stesse vie. Mi incatena all'idea dell'essere uguale a me stessa. Ma non lo sono. Sono altro. Sono altro anche da me.
Ho bisogno di pioggia, aria liquida e amara.
Ho bisogno di lui.
Ho bisogno del vento.
Sui sentieri del vento ho asciugato le lacrime. Ho sciolto i lacci e le catene. Mi sono sentita vibrare.
Unica.
Immensa.
Infinita di pioggia.
Scalza, danzare alla luna.
Con i capelli sciolti, fusa nel sole.
Perduta tra mille foglie d'autunno.
Librarmi in aria a disegnare il destino, l'ombra di un verso.
E non c'è alba di pietra che possa ridarmi il senso del mio essere nel vento.
E non c'è notte o promessa che calmi un cuore assente.
Sono assente da tanto.
Da quando ho spento il senso di ciò che temevo.
Da quando hai smesso di credere al mio sguardo.
Dall'ultima notte di luna in cui hai stracciato brandelli d'anima e di carta.
E la domanda che non voglio pormi è racchiusa in due occhi lontani. Celati al mondo e alla memoria, ma non ai miei.
Percorrerrò ogni sentiero di nebbia, sabbia e luce per riavere quegli occhi. Non basterà il silenzio a tenermi distante.
Non basterà l'attesa.
Ritroverò i tuoi occhi e ciò che non è stato.


14 soffi di vento:

  1. complimenti, scrivi davvero bene!

    RispondiElimina
  2. Dire che scrivi bene è riduttivo.

    Sei molto brava, continua ancora, che ho voglia di seguire le tue belle creazioni.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. è come vivere in un vortice la tua poesia dentro un tornado

    RispondiElimina
  4. anzi non è una poesia ma una parte di un poema

    RispondiElimina
  5. @ Analg3s1co, Valerio7scala, Coccolino74: vi ringrazio di cuore :-)


    @ Cavour: dici? ;-P


    @ Sangervasio: esattamente così!!! Grazie per aver colto :-)

    RispondiElimina
  6. Già, del vento ne senti solo gli effetti ed è bello farsi avvolgere, quando è caldo, tiepido e ti dà un senso di stordimento interiore, con gli occhi chiusi


    Mi viene in mente quella bella prosa di Neruda:


    il vento è un cavallo:

    sentilo come corre

    sul mare, nel cielo

    Vuole rapirmi……

    Nascondimi nelle tue braccia

    Solo per questa notte


    Complimenti....

    RispondiElimina
  7. @ Francescoj: hai citato una delle poesie che preferisco... ;-) Grazie...


    IL VENTO NELL'ISOLA


    Il vento è un cavallo:

    senti come corre

    per il mare, per il cielo.


    Vuol portarmi via: senti

    come percorre il mondo

    per portarmi lontano.


    Nascondimi, tra le tue braccia

    per questa notte sola,

    mentre la pioggia rompe

    contro il mare e la terra

    la sua bocca innumerevole.


    Senti come il vento

    mi chiama galoppando

    per portarmi lontano.


    Con la tua fronte sulla mia fronte,

    con la tua bocca sulla mia bocca,

    legati i nostri corpi

    all'amore che ci brucia,

    lascia che il vento passi

    senza che possa portarmi via.


    Lascia che il vento corra

    coronato di spuma,

    che mi chiami e mi cerchi

    galoppando nell'ombra,

    mentre, sommerso

    sotto i tuoi grandi occhi,

    per questa notte sola

    riposerò, amor mio.


    Pablo Neruda, I versi del Capitano

    RispondiElimina
  8. Bella l'atmosfera nel tuo spazio!!Notte!

    RispondiElimina
  9. Grazie, Clio, anche il tuo promette bene ;-)

    RispondiElimina
  10. colpito ... davvero ... mi sento molto vicino alle sensazioni che hai descritto ...

    un bacio

    Maluan

    RispondiElimina
  11. @ Maluan: anche tu sconvolto dal vento?

    RispondiElimina
  12. @ Sevia: è lo stesso per te... lo sento...

    RispondiElimina

Soffia qui