Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

sabato 28 marzo 2009

... che non mi appartieni

Se non ti appartengo, attendimi. Se non mi appartieni, aspettami. Ma anche questo petalo, sfilato ai giorni che non scorrono, si staccherà dal tempo, morendo fra le nostre labbra assenti. Mi resterà nella mano soltanto il segno di una spina e il ricordo di ciò che non è stato...



Rosa che rosa non sei, rosa che spine non hai.
Rosa che spine non temi, che piangi e che tremi, che vivi e che sai.
Rosa che non mi appartieni, che sfiori, che vieni, che vieni, che vai.
Rosa che rose non vuoi, rosa che sonno non hai.
Rosa di tutta la notte, che tutta la notte non basterà mai.


Rosa che non mi convieni, che prendi e che tieni, che prendi e che dai.
Rosa che dormi al mattino e venirti vicino non oso.
Rosa che insegni il cammino alla sposa e allo sposo.
Rosa d'amore padrona, punisci e perdona, non chiuderti mai.
Rosa d'amore signora, digiuna e divora, non perdermi mai.

Francesco De Gregori, Rosa rosae

2 soffi di vento:

  1. Fantastica canzone! E tu come al solito geniale ;-)

    RispondiElimina
  2. ... devi vedere la prossima... ;-)

    RispondiElimina

Soffia qui