Perché la parola è vento, principio primo dell'essere, scintilla dell'infinito

lunedì 5 dicembre 2011

Pensieri sparsi

Foto: Ale
Una passeggiata al mare e un mercatino. Perdere la testa per delle orchidee. Immaginare una casa con tanti quadri: ogni stanza una corrente artistica. Fare qualche progetto a breve termine. Coltivare la speranza. Ridere come una bimba. I regali di Natale: piccoli, pochi, ma fatti col cuore. Un pensiero felice: sempre quello. Le luci lungo la strada. Un nuovo amico. Un lettone gigante tutto per me. Affondare sotto il piumone. Ogni tanto un pensiero triste: sempre lo stesso. Libri vecchi. Libri nuovi. Tante parole su fogli di carta. Un cuore addormentato. Le mie piume d'oca. Un carillon che suona. Un cigno che non sa più volare. I miei passi su un viale di foglie secche. Una valigia da riempire. Una lettera da scrivere. Una carezza sul viso. La notte soffice e silenziosa. Un desiderio nascosto. Un segreto solo mio. Non smettere di sognare.

.

23 soffi di vento:

  1. Non smettere di sognare, cara! Non dobbiamo smettere, nessuno deve farlo.
    E' l'unica cosa che non ci tassano ancora! :-)

    RispondiElimina
  2. Anche per me, pochi regali di natale. Con le amiche più strette, un baratto di vestiti - così ognuna avrà qualcosa di "nuovo" ma ecologicamente non devastante, visto che onestamente nessuna di npi ha bisogno di nulla. Ai pupi, giochi - al piccolo di legno, il grande invece è già nel mondo del consumismo - al marito un album di foto dei pupi e poi basta.

    RispondiElimina
  3. Ho appena finito di parlare di doni con una delle mie due migliori amiche, la mia compagna di banco ai tempi del liceo. Abbiamo deciso che ci vogliamo bene anche senza regali ^_^
    Ma qualcosa uscirà ugualmente. Quest'anno tutto fatto con le mie manine. I tempi sono duri, anche il settore delle lezioni private (già sottopagato e per nulla valutato) è in crisi. Tradotto: io non ho un euro. Ma il regalino al mio figlioccio lo faccio lo stesso. Ai bambini sì, un pensierino va fatto sempre.
    E poi a me il Natale piace per l'atmosfera magica, mica per i regali!

    RispondiElimina
  4. Che sorrisone mi hai fatto venire, con questo post :)

    (io AMO passeggiare sulle foglie secche, ispirano bei pensieri...)

    RispondiElimina
  5. Smack, piccola Straf! Oggi mi sono trovata in un turbinio di foglie secche sollevate dal vento... una gioia per il cuore, un incanto per gli occhi ^_^

    RispondiElimina
  6. "Immaginare una casa con tanti quadri: ogni stanza una corrente artistica" proprio ieri da Fazio, Philippe Daverio ha presentato il suo ultimo libro che cade a fagiuolo col tuo post (costa però 35 euro): Il Museo Immaginato

    RispondiElimina
  7. Vedi le coincidenze? Comunque nel mio caso è un'immaginazione che si concretizzerà. Ho già deciso con quali opere arredare cucina, camera da letto, studio e bagno (sì, anche il bagno merita, così quando sarò a mollo nella vasca ammirerò bei quadri), mi resta da decidere il soggiorno. Ma tanto avrò tempo, la ristrutturazione inizierà in primavera (si spera).

    RispondiElimina
  8. Puoi anticiparle o è un segreto?

    A casa mia non potendo comprare gli originali o acquistato dei poster e li ho fatti "incollare" su legno.
    Mi sembrava una scelta diversa dal quadro con cornice e vetro.

    RispondiElimina
  9. Ovviamente nessun originale (altrimenti dovrei svaligiare qualche museo).
    Dunque andiamo con ordine, oggi mi sentivo così ispirata:
    1)cucina: mia mamma mi ha dato un'idea bellissima. Ha tirato fuori dei poster giganti originali degli anni '70 (c'è scritta la data) che riprendono locandine pubblicitarie degli anni '20. Quindi ho deciso per lo stile Liberty. Ci sarà qualche opera di Mucha e il gatto nero di Steinlein. Più in là posterò qualche foto.
    2)studio: ho delle litografie molto belle di Leonardo, dei castelli pugliesi, del refettorio dell'abbazia di Fiastra e un ritratto d'uomo in edizione limitata di un famoso e affermato artista locale. Da decidere come incorniciarle. Non amo il vetro.
    3) camera da letto: assolutamente preraffaellita con il tema di Amore & Psiche. Quindi Bouguereau e non so chi altro. Unica eccezione l'angelo musicante di Rosso Fiorentino perché ci dormo insieme da 13 anni e non me ne separerei mai.
    4) bagno: arte giapponese. Hokusai e non so cosa.
    5) dimenticavo l'ingresso, che resta ancora da decidere se sarà un tutt'uno con lo studio o separato da una vetrata. Considerando che ci sarà un piano di fine '800 con un arazzo inglese molto bello che mia zia regalò a mio padre negli anni '60 e che mia mamma mi ha fatto vedere un bel poster di Modigliani piuttosto grande, sono indecisa se metterci altro. Dipenderà dallo spazio.
    Per il momento è tutto. Per il soggiorno i preraffaelliti spingono, ma ancora non so. Attendo l'ispirazione o consigli.
    Il tipo di supporto sarà da decidere in base ai materiali che riuscirò a tollerare. Per ora ho solo pensato allo stile ^_^

    RispondiElimina
  10. Ma solo io in camera ho come unico arredamento un paio di scaffali da ferramenta?

    RispondiElimina
  11. Ah ah ah... pensa che io non ho nemmeno l'armadio adesso. L'ho dovuto mettere in un'altra stanza. Non posso tenere i mobili in camera. Ma almeno qualche quadro sì! Tanto quando avrò la mia stanza nuova ci sarà la cabina armadio e avrò risolto il problema ^_^

    RispondiElimina
  12. belli questi pensieri sparsi!
    p.s. ancora non partito il pacco, colpa del Dejavu che l'ha dimenticato in ufficio... perchè l'aveva portato in ufficio pensando di riuscire a spedirlo da lì... no words!

    RispondiElimina
  13. Mammapappa, GRAZIE!!! Prima o poi Max ce la farà, abbi pazienza è un uomo! Io seguo mio fratello persino a distanza... ma ho capito che non c'è speranza (carina la rima, vero?) ^_^

    RispondiElimina
  14. a milano avresti due stanze da arredare, bagno incluso. il che semplificherebbe notevolmente il tutto.

    RispondiElimina
  15. Mio caro, per fortuna non abito a Milano, ma nel ridente Sud! In fondo i miei mi stanno solo regalando e ristrutturando quattro stanze della nostra casa, non mi è andata male. Almeno starò per conto mio, a loro restano altre 7 stanze e il giardino. Ah, avrò anche la lavanderia e il cortile, ma non li ho citati perché i quadri lì non li metto. Ma ci saranno tantissime piante. Sempre che non le faccia morire tutte... (probabile, visti i miei precedenti).

    RispondiElimina
  16. nel civilizzato nord la lavanderia è quel posto, solitamente gestito da cinesi, dove si lavano e stirano camicie per la modica cifra di 2,5 euro l'una

    RispondiElimina
  17. Nel gaudente sud è la stanza dove si tiene la lavatrice, un lavandino grande per lavare a mano, l'asse da stiro e tutto quel che serve per lavaggio/stiraggio... tutto gratis!
    La mia verrà ricavata dal balcone :-P

    RispondiElimina
  18. Io in bagno ho un botero!!! (finto)

    RispondiElimina
  19. Quale, quale? Sono curiosa

    RispondiElimina
  20. non so il titolo: è una coppia che balla

    RispondiElimina
  21. dev'essere il famoso "coppia di ballerini ciccioni"

    RispondiElimina
  22. @l Piccolo Principe: se non ci fossi tu... grazie per la segnalazione!

    @ El_Gae: ^_^

    RispondiElimina

Soffia qui